Susanna Ceccardi e Matteo Salvini
Condividi

“Non mi stupisco che la rivolta dei Sindaci del PD contro l’applicazione di una norma statale sia capeggiata da Leoluca Orlando, uno che, curriculum alla mano, di vicende giudiziarie se ne intende bene. Mi sorprendo, piuttosto, che ci siano colleghi che lo assecondino”.
Replica così il Sindaco di Cascina, Susanna Ceccardi, alle parole del primo cittadino di Palermo, Leoluca Orlando, che invita il suo Ufficio Anagrafe a disobbedire all’applicazione del Decreto sicurezza.
“Leoluca Orlando brandisce oggi la Costituzione millantando presunti diritti dei migranti negati. Ma la stessa Costituzione parla di diritto al lavoro: e dov’era Orlando ieri quando i suoi compagni di partito votavano la Riforma Fornero che la lasciato per strada migliaia di italiani? Al Sindaco di Palermo, peraltro, forse sfugge che un Decreto, prima di diventare legge, deve essere firmato dal Capo dello Stato. Nel caso del Decreto Sicurezza, la firma apposta e’ di un suo concittadino, ovvero Sergio Mattarella”.- conclude la Ceccardi


Condividi