Lombardia, primo sì a referendum per l’abrogazione della Legge Merlin


PRIMO via libera in Regione Lombardia alla proposta di referendum per l'abrogazione parziale della legge Merlin, quella che impose la chiusura delle case chiuse. Il provvedimento (idea avanzata dai gruppi di area leghista) è stato approvato dalla Commissione Affari istituzionali del Consiglio lombardo (con voti contari solo da Ncd, Pd e Patto civico) e dovrà ora passare al vaglio del Consiglio regionale. Perché il referendum possa essere effettuato è comunque necessario il ‘si’ di 5 Consigli Regionali.

«LO SCOPO primario di questa iniziativa – ha spiegato il leghista Massimiliano Romeo, relatore del testo – è di modificare una normativa superata e inadeguata ormai da troppi anni. Non si tratta di legalizzare la prostituzione ma di regolamentare quello che avviene nella realtà, togliendo il fenomeno dalle strade e sottraendolo alla malavita. Siamo certi che, con la prospettiva di un referendum, anche il Parlamento finalmente si deciderà a prendere posizione».

di Lega Nord Toscana