Immigrazione: «Dal governo elemosina di 80€ al mese a lavoratori italiani contro i 1300 € ai clandestini. Alfano riferisca in aula»


ROMA - «Alfano deve fermare subito l'ondata di sbarchi, l'incessante flusso di clandestini sulle coste italiane con un serio piano di respingimenti. L'esecutivo elemosina 80 euro al mese ai lavoratori italiani e ne elargisce tra i 1.200 e i 1300 netti al mese ai clandestini. Nessun cittadino italiano può ambire a tanto: a ogni immigrato che sbarca sono garantiti, oltre a vitto e alloggio anche la gestione amministrativa, l'assistenza generica, il servizio di pulizia, la fornitura di biancheria e abbigliamento, i prodotti per l'igiene, un pocket money di 2,50 € al giorno e una tessera/ricarica di 15 . Siamo ormai a oltre 70 mila clandestini accolti e mantenuti dal gennaio 2013. La politica filo-immigrazionista del duo Renzi-Alfano è devastante, hanno cancellato la giustizia sociale facendo peggio persino di Monti e Letta. Lo vogliamo in aula, deve avere il coraggio di metterci la faccia di spiegarci perché ha avallato l'abrogazione del reato di clandestinità. Abbiamo chiesto che Alfano e Orlando vengano e riferiscano sull'allarme immigrazione clandestina, sugli sbarchi e sugli arresti degli indipendentisti veneti. Ai rappresentanti del governo consiglieremo di predisporre un piano di respingimenti e di dirottare forze e parte delle risorse impiegate nell'accoglienza per impedire a un solo clandestino in più di sbarcare sul territorio nazionale». Lo dichiarano i deputati della Lega Nord, Davide Caparini e Nicola Molteni.

di Redazione